Non sapete cosa vedere? Ecco alcuni anime consigliati su Crunchyroll

Crunchyroll è in assoluto la piattaforma streaming a pagamento più adoperata e nota per vedere anime e, specialmente, rimanere sempre al passo con quelli stagionali.

Nell’immenso catalogo di possibilità che ci pone a disposizione la piattaforma, ho cercato di stilare una lista di titoli che potrebbero incuriosirvi e che magari potrebbero rispondere alla fatidica domanda “e ora che guardo?”.

Dato l’incipit dell’articolo, si tratta di anime presenti sulla piattaforma di Crunchyroll e tenderò ad inserire titoli non troppo lunghi.

 

BARTENDER Glass of God

Avete bisogno di un comfort anime che non pretenda troppo durante la visione? Allora questo è il titolo giusto per voi: una vicenda dove si mescolano cocktail ed emozioni. La vicenda infatti gravita intorno a Ryū Sasakura, abilissimo bartender dalle mille sorprese, sempre in grado di accontentare i propri clienti, alleviando le loro sofferenze con un cocktail che rievoca sempre qualcosa di più intimo del semplice “bere per dimenticare”.

Inoltre, molti dettagli legati alle descrizioni dei cocktail, sia nella loro preparazione che riguardo alla scelta della bevanda stessa da servire, rendono davvero intrigante seguire la vicenda, con particolarità a cui solitamente non pensiamo e che arricchiscono notevolmente il contenuto dell’opera.

È composto, in totale, da 12 episodi e sono attualmente tutti disponibili, ma non doppiato in italiano, quindi avrete la necessità di seguirlo con i sottotitoli e l’audio in giapponese.

Immagine presa da Wallpaper Abyss

 

Kaiju No.8

L’anime stagionale che sta facendo molto parlare di sé ed evidentemente un motivo c’è. Anche se con qualche cliché tipico di questo genere, è un’opera che appassiona e che regala una visione molto piacevole e dinamica, con la pecca di averci traumatizzato con la ormai famosa frase che apre la canzone dei crediti alla fine dell’episodio, “Nobody got you the way I do”, proprio nel momento in cui sta per accadere qualcosa di eccezionale.

La storia gravita intorno a Kafka, addetto alle pulizie dei Kaiju, mostri che infestano e distruggono il mondo, con il sogno di entrare nelle forze di difesa, corpo militare addetto alla repressione dei mostri che terrorizzano Tokyo. In seguito ad uno sfortunato incontro proprio con uno di queste creature, il nostro protagonista si trasforma in uno dei bersagli del mondo intero, un Kaiju per l’appunto, dotato così di caratteristiche fisiche soprannaturali, che danno un tono di epicità alle vicende.

Inoltre, il tono comico e l’espressività che tendono a spezzare sempre al momento giusto una narrazione più seria, equilibrano a dovere il corso degli eventi.

Composto da un totale di 12 episodi, è disponibile anche doppiato in italiano e bisogna riconoscere che è degno di nota.

Immagine presa da DeviantArt

 

ODDTAXI

Composto da 13 episodi più un film conclusivo, “ODDTAXI” è sicuramente un anime che si distingue rispetto alle solite visioni proposte.

La vicenda tratta di Hiroshima Odokawa, un tassista che si ritrova in numerose situazioni scomode, con un mistero legato alla sua visione del mondo, sicuramente particolare e che pone su un gradino più alto la trama.

Lo scorrere delle vicende è molto frenetico e non annoia mai, data la varietà degli eventi e dei personaggi legati agli stessi, con un finale che saprà sicuramente stupirvi.

Immagine presa da Wallpapers.com

 

Parasyte -the maxim-

Una storia composta da 24 episodi che garantisce una trama ricca di spunti innovativi che vi terrà col fiato sospeso fino all’ultimo.

In un mondo dove dei parassiti infestano il cervello degli uomini assumendone il controllo, Shinichi Izumi si ritrova a dover convivere con uno di essi, dopo che il tentativo di Migi, così chiamata l’entità aliena, di impossessarsi del corpo del protagonista fallisce. I due si ritroveranno così a contrastare altre entità ostili, con risvolti davvero intriganti.

L’anime, concluso nel 2014, è presente anche su Netflix, insieme ad un live action che, secondo alcune teorie, si pone come un sequel dell’anime appena presentato.

Immagine presa da Wallpapers.com

 

Buddy Daddies

Ecco a voi un anime che vi metterà sicuramente di buon umore, dati i personaggi molto diversi tra loro, che compongono un quadro ricco e variegato, e la capacità di narrare con leggerezza anche gli eventi più ostici della vicenda.

È davvero possibile essere degli assassini di professione e gestire una famiglia? Questa la domanda alla quale risponderanno, nel corso di 13 episodi, i due protagonisti, Kazuki Kurusu e Rei Suwa, che, dopo l’ennesima missione, si ritrovano di punto in bianco a fare da genitori a Miri, una bambina di 4 anni che si ritrova al momento sbagliato nel posto sbagliato.

Da qui partiranno le disavventure di una insolita famiglia, che si ritroverà a dover combaciare lavoro e quotidianità familiare, al fine di garantire alla piccola protagonista un’esistenza degna.

Dolcezza, semplicità e umorismo, queste le tre parole per descrivere questo anime, che sicuramente vi saprà regalare un momento di relax e di risate.

Immagine presa da Alpha Coders

 

Orange

Arricchiamo questa lista con un titolo più serio e da non prendere sotto gamba. Orange è infatti la vicenda di Naho, che riceve una lettera dalla se stessa di 10 anni più grande, nella quale spiega eventi del futuro che la porteranno ad essere consapevole del suo amore per Kakeru, un ragazzo che si è appena trasferito nella sua scuola, al quale è legato un tragico destino.

La tematica principale del titolo, articolata in tante situazioni nelle quali i protagonisti si ritroveranno, è davvero delicata e sarebbe opportuno intraprendere una visione consapevole, specialmente se ci si rispecchia nella vicenda. Si tratta di una narrazione che sa miscelare momenti leggeri a più seri ed intimi, che portano alla luce le paure più intrinseche di un individuo, che a volte può portare a galla decisioni drastiche e autodistruttive.

Composto da 13 episodi, è disponibile il doppiaggio in inglese, ma non in italiano.

Immagine presa da TV Time

 

Astra Lost in Space

Un anime piacevole, caratterizzato da una trama lineare che però sa riservare qualche colpo di scena. Si tratta, quindi, di un titolo perfetto se cercate una storia che sia completa e che vi faccia rimanere soddisfatti.

La vicenda, completa in 12 episodi, gravita intorno ad otto studenti e una bambina, che vengono spediti verso Planet Camp, un luogo di addestramento dove verranno lasciati a loro stessi, valutando le loro capacità, fino al momento in cui un’entità misteriosa non li teletrasporta in un angolo remoto della galassia, a 5,012 anni luce di distanza dalla Terra. Riuscirà il gruppo a sopravvivere e rimanere unito tra le mille avversità che si presenteranno?

Immagine presa da Zerochan

 

The Quintessential Quintuples

Qualora non l’aveste ancora visto, prendete questo articolo come un segno del destino, un monito a cominciare una delle storie più assurde e dolci che possiate aggiungere alla lista di titoli visti, che vede protagoniste 5 gemelle, indistinguibili esternamente, ma inconfondibili internamente, che, a causa del loro andamento scolastico penoso, si ritroveranno a dover svolgere delle lezioni private con Futaro Uesugi, ragazzo prodigio che prende sempre il massimo dei voti e povero, che sicuramente non disdegna il compenso che riceve per le ripetizioni. Ma sarà davvero solo il mero denaro a legare un quintetto di ragazze affiatate e un ragazzo che ha da sempre ripudiato l’amore?

Si tratta di fatto di una visione molto leggera, che sa portare alla luce emozioni profonde, con un intreccio di vicende che non annoia mai, grazie ad un capovolgimento continuo degli interessi e degli obiettivi di ognuno dei personaggi.

Si tratta di un anime più lungo rispetto agli altri, composto da 2 stagioni, ognuna di 12 episodi totali, più un film conclusivo. Inoltre, sembra essere stato annunciato un nuovo progetto per l’anime, in occasione dell’anniversario del titolo, l’ “Honeymoon Arc”, se sembra porsi come un sequel.

Immagine presa da X.com

 

Girl From the Other Side

Composto da 3 episodi, con comunque un manga completo in 11 volumi e un volume aggiunto, oltre che uno spin-off, ve ne consiglio la visione, data la grafica davvero singolare e che vi saprà catturare, con una storia che si pone quasi come una favola, che vede protagonisti Shiva, una bimba umana, e il suo maestro, un’entità quasi demoniaca che si prende cura di lei, in un mondo diviso tra esseri puri e creature dannate appartenenti al mondo esterno.

Una vicenda che sicuramente vi farà appassionare e che cela dei misteri interessanti, in un panorama di tanti quesiti e poche concretezze, a parte il rapporto genuino che lega i due protagonisti.

Immagine presa da Nerd’s Bay

 

School Days

Chiudiamo questa lista con un anime davvero singolare, che al termine della visione mi ha fatto personalmente rimanere a bocca aperta (direi così), perché si tratta di una conclusione davvero particolare rispetto al tono degli altri episodi. Si tratta di un romance che però inserisce una componente più fisica della scoperta dell’amore, dato che il nostro protagonista, Makoto, sembra essere interessato ad una ragazza della propria scuola, Kotonoha, ma anche molto curioso della propria sessualità, non negandosi alcuna possibilità.

Un titolo che può piacere o no, non credo vi sia una via di mezzo, ma che sicuramente rimane impresso dato lo sviluppo dei personaggi, con un finale che non credo sia prevedibile.

Immagine presa da Crunchyroll

In conclusione, questo potrebbe porsi come uno di una serie di articoli che contengono titoli consigliati per la visione, sia su Crunchyroll che, possibilmente, su altre piattaforme. E voi cosa ne pensate, qualche titolo presente in questa lista vi ha stupito?

 

Entra nella Community

4,5

+150 recensioni

mockup con due screenshot di applicazione mobile a tema anime e manga

Articoli consigliati